Benvenuto

Abbazia Santa Maria di Pulsano

Instaurata sul colle di Pulsano nel VI secolo per opera del monaco-papa San Gregorio Magno, l’Abbazia Santa Maria di Pulsano, con i suoi eremi circostanti, è stata sino ad oggi, con alterne vicende storiche, luogo di monaci, anacoreti e cenobiti, orientali e latini.

Notizie in primo piano

Le ultime notizie dalla nostra comunità.
ULTIMA PUBBLICAZIONE

Lectio Divina

Categoria : Categoria: monastero
Giovanni 2,1-12; Isaia 62,1-5; Salmo 95; 1 Cor 12,4-11   «È bene anche per te, fratello, che ti manchi il tuo vino e che tu non segua la tua logica: che Gesù ti faccia riempire di acqua le tue giare e in seguito cambi l'acqua in vino. Ascolta l'apostolo delle genti, ascolta uno dei versi che sanno da dove viene e come è stato prodotto il vino buono: «Se tra voi qualcuno sembra essere sapiente», cioè sembra avere del vino, vuoti accuratamente se stesso per essere colmato di vino eccellente, cioè «diventi stolto per essere saggio»; si vuoti dell'orgoglio, perché chi crede di sapere qualcosa ignora ancora come bisogna sapere. Guai a coloro che si ritengono sapienti, perché nel momento stesso in cui si dichiarano sapienti diventano stolti. E si riempia d'acqua, cioè prenda coscienza della propria stoltezza e della propria debolezza; e così appaia a se stesso come è, per diventare ben presto ciò che non è ancora». (Isacco della Stella, Sermoni)   Invitato a Cana con sua madre, Gesù vi si reca in veste di amico, di vicino, accompagnato dai suoi discepoli. Forse non sa ancora che quel matrimonio gli offrirà l'occasione per compiere il primo dei segni del suo ministero. Per Giovanni, che scrive nel prologo del suo evangelo: «In principio era il Verbo», l’«inizio dei segni», cioè dei prodigi che devono provare l'autenticità messianica di Gesù, rappresenta la traduzione nel tempo della sua gloria eterna. L'evangelista riferisce questo «segno», questo miracolo, perché noi crediamo che Gesù è il Cristo, il figlio di Dio e perché, credendo, abbiamo la vita nel suo nome (Gv 20,30-31). Non è casuale che all'inizio della vita pubblica di Gesù si collochi una cerimonia di nozze, perché in lui Dio ha sposato l'umanità: è questa la buona notizia, anche se coloro che l'hanno invitato non sanno ancora che alla loro tavola è seduto il figlio di Dio, e che il vero sposo è lui. Tutto il mistero di Cana si fonda sulla presenza di questo sposo che comincia a rivelarsi. All'insaputa del maestro di tavola, infatti, Gesù...   [audio mp3="http://www.abbaziadipulsano.org/wp-content/uploads/2019/01/II-Dom.-Tempo-Ord.-C-2019.mp3"][/audio] Per scaricare il file audio cliccare QUI Per scaricare il file .doc cliccare sul pulsante con la freccia bianca[...]
Leggi o ascolta tutto

La comunità per vocazione originale si assume la povertà evangelica e la rinuncia ai beni in vista del Regno di Dio.

Preghiera

Preghiera liturgica e silenzio, ovvero il tempo per ascoltare la voce di Dio.

Scuola di Iconografia

Scuola di Formazione Permanente in Iconografia presso l’Abbazia.

Pubblicazioni

scriptorium che ha pubblicato diversi testi sull’abbazia e sul suo fondatore.

Sostieni Pulsano

Pulsano è di tutti, grazie al sostegno di ognuno. DONAZIONI
Le Voci

Dei Padri del Deserto

L’anima dell’uomo è un pane, l’anima celeste lo mangia.