Benvenuto

Abbazia Santa Maria di Pulsano

Instaurata sul colle di Pulsano nel VI secolo per opera del monaco-papa San Gregorio Magno, l’Abbazia Santa Maria di Pulsano, con i suoi eremi circostanti, è stata sino ad oggi, con alterne vicende storiche, luogo di monaci, anacoreti e cenobiti, orientali e latini.

Notizie in primo piano

Le ultime notizie dalla nostra comunità.
ULTIMA PUBBLICAZIONE

Lectio Divina

Categoria : Categoria: monastero
Marco 4,26-34; Ezechiele 17,22-24; Sal 91; 2 Corinzi 5,6-10 La parabola odierna ci dice che il regno di Dio progredisce proprio là dove non l'abbiamo nemmeno annunciato; spesso accade tra coloro a cui non prestiamo attenzione e persino dove poniamo degli ostacoli al regno. La parola di Dio è essa stessa all'opera, potente e creatrice. Dio ci affida questa parola come un piccolo seme: se lo lasciamo maturare, è capace di trasformare il mondo. Non è la povertà che conduce la Chiesa alla sconfitta, ma...     [audio mp3="http://www.abbaziadipulsano.org/wp-content/uploads/2018/06/XI-Dom.-Tempo-Ord.-B-2018.mp3"][/audio] Per scaricare il file audio, cliccare QUI Per scaricare il file .doc cliccare sul pulsante in basso con la freccia bianca[...]
Leggi o ascolta tutto

La comunità per vocazione originale si assume la povertà evangelica e la rinuncia ai beni in vista del Regno di Dio.

Preghiera

Preghiera liturgica e silenzio, ovvero il tempo per ascoltare la voce di Dio.

Scuola di Iconografia

Scuola di Formazione Permanente in Iconografia presso l’Abbazia.

Pubblicazioni

scriptorium che ha pubblicato diversi testi sull’abbazia e sul suo fondatore.

Sostieni Pulsano

Pulsano è di tutti, grazie al sostegno di ognuno. DONAZIONI
Le Voci

Dei Padri del Deserto

L'abate Arsenio, quando era ancora a Palazzo, così pregò: «Signore, conducimi verso la salvezza». Udì allora una voce che gli disse: « Arsenio, fuggi gli uomini e sarai salvo ». Dopo che fu entrato nella vita monastica, pregò ancora nello stesso modo, e intese la voce dire: « Arsenio, fuggi, taci e pratica l' hesychia. Sono queste le radici del non peccare».