Benvenuto

Abbazia Santa Maria di Pulsano

Instaurata sul colle di Pulsano nel VI secolo per opera del monaco-papa San Gregorio Magno, l’Abbazia Santa Maria di Pulsano, con i suoi eremi circostanti, è stata sino ad oggi, con alterne vicende storiche, luogo di monaci, anacoreti e cenobiti, orientali e latini.

Notizie in primo piano

Le ultime notizie dalla nostra comunità.
ULTIMA PUBBLICAZIONE

Lectio Divina

Categoria : Categoria: monastero

Gv 20,1-9; At 10,34.37-43 (leggi 10,34-43); Sal 117; Col 3,1-4 oppure 1 Cor 5,6b-8

    Rapida e vivace si presenta la prima Pasqua cristiana descritta da san Giovanni: tutti corrono, la mattina del giorno che ha fatto il Signore! Incontriamo in primo luogo Maria Maddalena, che vive il momento delle lacrime e della crisi: deve ancora imparare a vivere l'assenza del Cristo senza aggrapparsi a un altro amore. La donna scopre il sepolcro aperto e vuoto, e subito teme che il corpo del Signore sia stato portato via. Vittima dell'odio, Gesù sarebbe stato perseguitato anche nella tomba? La Maddalena corre ad avvertire gli amici di colui che, un giorno, l'aveva liberata: «Avete visto l'amato del mio cuore?» (Ct 3,3). Giovanni, nel suo evangelo, presenta più di una volta Simon Pietro insieme al discepolo che Gesù amava: il secondo precede sempre il primo con la rapidità delle sue intuizioni, in cui lo slancio del cuore ha un posto preponderante. Li ritroviamo qui, mentre corrono a perdifiato verso il sepolcro, dove l'altro discepolo arriva prima del capo degli apostoli. Si china, ansante, sulla tomba vuota, ma si ferma interdetto: nell'apertura spalancata attraverso cui Pietro deve precederlo per accreditare, a suo tempo, il mistero dell'assente, si vedono le bende per terra e il sudario accuratamente piegato in un angolo. Non è dunque possibile pensare all'ipotesi del furto del cadavere. Mentre Pietro si interroga, senza comprendere, il discepolo che Gesù amava ha già colto ciò che è accaduto. Grazie all'intelligenza della fede, che si muove su un piano diverso da quello delle prove evidenti, egli intuisce che il corpo non può essere stato portato via. Nei panni funerari abbandonati e ripiegati, legge i segni di una risurrezione definitiva: la vita ha spodestato la morte e le ha strappato il suo dominio! Davvero, soltanto l'amore sa vedere chiaramente; vede e crede, e avanza verso colui che porta in sé il pieno significato di ogni cosa: Gesù, vivente ormai per tutti i secoli. Alleluia, Alleluia «Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo». (Antif. Salmo responsoriale) Alleluia, Alleluia L'assemblea del giorno di Pasqua esplode nel canto dell’alleluia e si raduna sotto il segno dell'esultanza. Ed è come se in questa esultanza si dessero convegno, realizzandosi, tutte le speranze messianiche del popolo di Dio. La molteplicità della scelta dell’Evangelo (Gv 20,1-9, oppure, se di sera, Lc 24,13-35, o anche la semplice ripetizione dell'Evangelo della Notte santa) mostra che...   [audio mp3="http://www.abbaziadipulsano.org/wp-content/uploads/2019/04/Pasqua-C-2019.mp3"][/audio]   Per scaricare il file audio della Lectio cliccare QUI Per scaricare il file .doc della Lectio cliccare sul pulsante in basso  

Christòs anèsti              Cristo è Risorto

Alithòs anèsti             È veramente Risorto  

Auguri a tutti per una santa Pasqua

La Comunità Monastica

[...]
Leggi o ascolta tutto

La comunità per vocazione originale si assume la povertà evangelica e la rinuncia ai beni in vista del Regno di Dio.

Preghiera

Preghiera liturgica e silenzio, ovvero il tempo per ascoltare la voce di Dio.

Scuola di Iconografia

Scuola di Formazione Permanente in Iconografia presso l’Abbazia.

Pubblicazioni

scriptorium che ha pubblicato diversi testi sull’abbazia e sul suo fondatore.

Sostieni Pulsano

Pulsano è di tutti, grazie al sostegno di ognuno. DONAZIONI
Le Voci

Dei Padri del Deserto

L'abate Agatone dava sovente questo consiglio al suo discepolo: « Non appropriarti mai di un oggetto che non vorresti cedere immediatamente a chiunque.