La Biblioteca dell'Abbazia

timbro-biblioteca

L’abbazia è sede di una fornitissima biblioteca di oltre 17.000 volumi, che esprime e riflette i bisogni sia della comunità monastica di Pulsano sia delle popolazioni del territorio che in essa hanno un valido punto di riferimento.

Il patrimonio librario può suddividersi principalmente in due grandi settori tematici: il primo, certamente più consistente, raccoglie volumi di cultura cristiana, in specie di teologia, liturgia, patristica, biblica, sacramentaria, ascetica, storia della Chiesa e del monachesimo, iconografia e arte sacra, antica e moderna, lingue e liturgie orientali; mentre il secondo settore dedica una particolare attenzione alla storia del Gargano e delle sue antiche comunità, dando copioso risalto all’arte, alle tradizioni popolari, ai pellegrinaggi, alla secolare e fattiva presenza monastica sul colle di Pulsano.

Presso la Biblioteca Provinciale di Foggia

Il Catalogo Online

Il catalogo è consultabile online sia presso il Servizio Bibliotecario Nazionale, sia presso la Biblioteca provinciale di Foggia.

Seleziona “Abbazia di Santa Maria di Pulsano” nel campo “biblioteche” per cercare i nostri titoli.

Richiesta diretta online

Si può far richiesta dei testi interessati contattando l’abbazia (ove possibile anche indocument delivery) tramite questo modulo, o recandovisi per consultazione; non è consentito portare fuori libri dalla biblioteca.

Tutti i campi del modulo sono richiesti.

La informiamo che i dati che fornirà al gestore del presente sito al momento della compilazione del modulo di richiesta, saranno trattati nel rispetto delle disposizioni di cui al d.lgs. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali.

Può leggere l’intera informativa sulla privacy a questo link.

Abbazia Santa Maria di Pulsano

Continua la lettura

Notizie Storiche

Instaurata sul colle di Pulsano nel VI secolo da San Gregorio Magno, l’abbazia, con i suoi eremi circostanti, è stata sino ad oggi luogo di monaci, anacoreti e cenobiti, orientali e latini.

Monastero e Chiesa

L’abbazia nelle forme attuali, gravemente danneggiate dal sisma del 1646, fu edificata ad opera del beato Gioele, nativo di Monte Sant’Angelo e terzo abate generale.

Eremi

Nei dintorni dell’abbazia si trovano gli eremi. In alcuni casi sono costituiti da una semplice grotta, in altri invece da piccole costruzioni solitarie su dirupi impervi.