logo_Ecumenismo Ufficio per l'ecumenismo e dialogo interreligioso
Incontro di formazione
7 dicembre


L’Ufficio ecumenico organizza, in un percorso formativo e informativo, una serie di incontri che ci vedrà impegnati durante l’anno su temi che sono già parte viva del nostro quotidiano, fatto di relazioni e confronti con culture e fedi diverse. Un dialogo che vuole aiutare quel cammino comune, spirituale e di carità, che ogni uomo si trova a costruire nella sua vita.

Nel primo incontro (che si terrà venerdì 7 dicembre 2012 a Manfredonia presso la Chiesa di S.Chiara, ore 16, con la presenza di S. E. Mons. Michele Castoro, vedi la locandina) ascolteremo l’esperienza di P. Luciano Verdoscia, missionario comboniano che lavora da molti anni in territori con popolazioni a forte prevalenza mussulmana. Contro l’ottusità delle armi, della violenza e dell’odio, troviamo ora le parole giuste per non rimanere poi in silenzio a fare la conta dei caduti. Lo sviluppo e la pace passano da idee corrette e da fedi vissute cercando di capire le ragioni delle parti in conflitto.

Note su P. Luciano Verdoscia

Padre Luciano, missionario comboniano originario di Bari, condivide da 17 anni al Cairo, in Egitto, le contraddizioni di questo mondo in ebollizione. Ha partecipato alla rivoluzione, scendendo in piazza con i giovani e osservandola dalle finestre di casa, che si affacciano proprio su alcuni dei luoghi più caldi della rivolta: il sindacato dei giornalisti, da una parte, e il palazzo di giustizia dall’altra. E poi l’ha vissuta, come sempre, accanto ai più poveri tra i poveri, quelli che è andato a incontrare e ad affiancare in una delle periferie più degradate del Cairo: Esbet el Nakhl, appunto, il quartiere degli zabbalin, i raccoglitori di immondizia.

Il CAIRO è una grande metropoli con una spaventosa densità demografica (19.000.000 abitanti) dove modernità e ricchezza coesistono con arretratezza e miseria estrema. Grattacieli si affacciano su tuguri.Tra i quartieri poveri spicca quello Manshiet Naser per disastro ambientale e per l’assurdità con cui si fa la cernita dei rifiuti. Una delle zone di questo quartiere si chiama Zaraib (stalle) perchè vi si allevano maiali. La gente che vive in questa zona è dedita al lavoro di differenziazione della zibala (spazzatura) da cui il nome di zabal (colui che raccoglie o che lavora la spazzatura).In questo lavoro sono impegnati tutti gli abitanti della zona, soprattutto donne e bambini. Questi ultimi imparano presto a badare a se stessi e cominciano a lavorare già all’età di sei-sette anni selezionando la spazzatura per una paga irrisoria (1 euro al giorno).

Pochi hanno la fortuna di andare a scuola sia perchè devono lavorare sia per motivi economici dato che non hanno la possibilità di pagare le lezioni “private” che fanno parte del sistema scolastico in Egitto.Senza queste lezioni è veramente difficile procedere con profitto nel regolare corso di studi.

L’opera che svolge il missionario comboniano Padre Luciano Verdoscia, ed i suoi collaboratori egiziani, cristiani e musulmani, vuole fornire a questi bambini una speranza di vita più dignitosa e un’alternativa all’attuale degrado senza via d’uscita. Padre Luciano ha dovuto chiarire la sua posizione di fronte alle autorità locali in merito alla falsa accusa di proselitismo religioso; l’Egitto è un paese in cui l’Islam è religione di Stato ed è vietata qualsiasi forma di proselitismo dall’Islam ad altre religioni. Le stesse autorità hanno trasferito il progetto in un’altra zona del quartiere di Manshiet Naser, conosciuta come Duwe’a, nella scuola elementare Tariq Ibn Ziyyad. Anche se in questa zona il disastro ambientale non è così grave come nella zona Zaraib, la povertà è ancor più diffusa. In questa scuola sono accolti finora 300 bambini dai 6 ai 12 anni che vengono istruiti, assistiti e nutriti; periodicamente viene donato loro anche qualche indumento. La scuola ha una capacità superiore; i bambini aumenteranno fino a diventare 600.

La Fondazione “Il meglio di te ONLUS” sostiene, con l’aiuto anche di un gruppo di amici romani, l'opera che padre Luciano sta portando avanti per realizzare non solo dei corsi scolastici ma anche di un centro di accoglienza da attrezzare per fornire supporto logistico ai volontari e assistenza, istruzione e preparazione al lavoro ai bambini.

E’ importante sottolineare che questo progetto è “non confessionale”: ha lo scopo cioè di fornire sostegno a ragazzi sfortunati indipendentemente dal loro credo religioso. Il personale educativo e quello dei volontari è composto da musulmani e cristiani coinvolti nel progetto per soli fini umanitari. Infatti far stare insieme persone di religione, cultura ed etnia differenti per offrire e ricevere aiuto è il modo più giusto per promuovere sentimenti di fratellanza, solidarietà e pace.

 
SOSTIENI PULSANO!!!
sostieni_pulsano
5 x 1000
DONAZIONI

LECTIO DIVINA ON-LINE

Lectio_divina
Ascolta o leggi! Pubblicata ogni lunedì per la Domenica successiva

ULTIME PUBBLICAZIONI

Reg. audioLectio Divina Domenica «DELLA FESTA DELLE NOZZE», XXVIII del...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Lectio Divina Domenica «DELLA FESTA DELLE NOZZE», XXVIII del Tempo Ord...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Letture Patristiche Domenica «DELLA FESTA DELLE NOZZE» XXVIII del Temp...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Reg. audio Lectio divina Domenica dei «VIGNAIOLI OMICIDI», XXVII Domen...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Lectio Divina Domenica dei «VIGNAIOLI OMICIDI», XXVII Domenica del Tem...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Letture patristiche della Domenica dei «VIGNAIOLI OMICIDI», XXVII Dome...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Icona della "parabola dei due figli"
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Reg. audio Lectio Divina Domenica «DELLA PARABOLA DEI DUE FIGLI E DELL...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)

SCUOLA DI ICONOGRAFIA
A PULSANO

Corso_di_iconografia
Aperte le iscrizioni!


La voce dei padri del deserto

Un anziano disse: « Faccio ciò di cui l'uomo ha bisogno: temere il giudizio di Dio, odiare il peccato, amare la virtù, e pregare Dio senza intermissione ».

Friends Online

Powered by EvNix