ernesto_quadrato Padre Ernesto Della Corte
Sacerdote della diocesi di Salerno-Campagna-Acerno

Da anni il biblista Ernesto Della Corte, sacerdote della diocesi di Salerno-Campagna-Acerno, è amico e collaboratore delle attività della nostra Abbazia:

 
SOSTIENI PULSANO!!!
sostieni_pulsano
5 x 1000
DONAZIONI

LECTIO DIVINA ON-LINE

Lectio_divina
Ascolta o leggi! Pubblicata ogni lunedì per la Domenica successiva

ULTIME PUBBLICAZIONI

Reg. audio Lectio Divina della Domenica “DELLA PARABOLA DELLA ZIZANIA”...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Lectio Divina della Domenica “DELLA PARABOLA DELLA ZIZANIA” XVI del Te...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
letture Patristiche della Domenica “DELLA PARABOLA DELLA ZIZANIA” XVI ...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Reg. audio Lectio Divina della Domenica “DEL GIUBILO MESSIANICO”, XIV ...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Lectio Divina della Domenica “DEL GIUBILO MESSIANICO”, XIV del Tempo O...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Letture Patristiche della Domenica “DEL GIUBILO MESSIANICO”, XIV del T...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Reg. audio Lectio Divina Domenica “DELL’ACCETTAZIONE DELLA CROCE” XIII...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)
Lectio Divina Domenica “DELL’ACCETTAZIONE DELLA CROCE” XIII del Tempo ...
in Archivio delle registrazioni della Lectio divina Anno A (2016-2017)

SCUOLA DI ICONOGRAFIA
A PULSANO

Corso_di_iconografia
Aperte le iscrizioni!

LITURGIA DELLA PAROLA



La voce dei padri del deserto

Se sei lento ad alzarti la notte per la liturgia, non dare nutrimento al tuo corpo, perché la Scrittura dice: « Il pigro non mangi neppure ». E io ti dico: come nel mondo colui che ruba incorre in una severa condanna, uguale condanna è riservata da Dio a chiunque non si alzi per la sua liturgia, salvo nel caso di malattia o di grande lavoro, benché dal malato come dal lavoratore Dio esiga una liturgia spirituale, perché essa può essere offerta a Dio facendo a meno del corpo.